Vellutata di sedano rapa e lenticchie rosse

Sedano rapa mon amour.
La nostra è una relazione iniziata nel tardo 2009. Inizialmente spaventata dal nuovo -come si approccia un sedanorapa? Quanto devo pulirlo? Si mangia tutto?- anzichè guardare su internet come fanno tutti, io chiesi consigli a mia nonna, la quale la fece molto più difficile del necessario. Panico. Dopo minuti trenta di pulizia, taglio calibrato, attenta asportazione della zona porosa centrale, cottura al vapore per minuti dodici, mi ritenni soddisfatta e lo frullai (esatto, fatica sprecata) per farci dei ravioli buonissimi con pistacchi e liquirizia. AMORE NUMERO UNO.
Comunque infastidita dall’approccio maniacale della nonna, decisi di farla semplice: una pelatina e via andare. Le fette bollite diventavano gustose cotolette, impanate in una pastella di amido leggera e poi ricoperte di farina di mais. Insostituibili. AMORE NUMERO DUE.
La svolta vera avvenne quando scoprii che si poteva mangiare anche crudo. Rivoluzione! Abbinato ai porcini crudi è da filo di bava sulla tovaglia (molto chic, molto chic), ma dato che i porcini crudi non mi crescono proprio sul balcone, li ho sostituiti con la piantaggine. Insalate, patè, carpacci con diverse varianti sulla base assodata. AMORE NUMERO TRE.
Poi arriva la pentola a pressione, e la trama si infittisce. Il triangolo sì, non date retta al parruccone, fidatevi. In dieci massimo quindici minuti avete una vellutata che è davvero di velluto. Non per dire. AMORE NUMERO QUATTRO.
Per dovere di cronaca, vi riporto che il resto del mondo si è innamorato del sedano rapa da quando Jamie Oliver ci ha fatto un arrosto vegetale buonissimo. Io non l’ho ancora provato ma se volete invitarmi a cena sarò lieta di fare da cavia (capito amici? Grazieee). FUTURO AMORE.

image

Cosa serve (per 2-3):
Un sedano rapa di medie dimensioni
Una tazza di lenticchie rosse decorticate
Un pezzetto di porro (facoltativo)
Un cucchiaio di aneto
Sale marino integrale
Olio evo

Come si fa:
Pelate il sedano rapa, tagliatelo a tocchetti e mettetelo nella pentola a pressione. Aggiungete il porro (5 cm) a metà, le lenticchie rosse, 2 tazze e mezzo di acqua, una presa di sale e l’aneto. Coprite e calcolate 12 minuti dal sibilo. Sfiatate, scoperchiate, frullate con due cucchiai di olio e un goccio d’acqua in base a quanto la volete liquida.
Regolate di sale e servite con crackers di segale integrali croccantissimi.

Annunci

10 pensieri su “Vellutata di sedano rapa e lenticchie rosse

      1. no non ho provato il mega arrostone, io molto spesso lo cucino al forno a strati con le nocciole e il latte vegetale è ottimo abbinato ad arrosti di carne, ma gli accostamenti golosi sono veramente tantissimi

  1. Che bella dichiarazione d’amore. Da noi in famiglia si aggiungeva a quasi tutti i minestroni. Per quanto riguarda la pentola a pressione… ho un rapporto di amore e odio. Da ragazzina ne avevo paura, poi scoperta e pensato mai più senza in modo particolare per i legumi, da qualche giorno… beh dopo l’esplosione direi che aspetterò un bel po’ prima di riutilizzarla (previa revisione ovviamente). Ma il sedano rapa me lo mangio lo stesso!

      1. È successo l’altro ieri. Sarà l’età ma sia durante sia dopo il geyser sono rimasta abbastanza tranquilla e più che altro infastidita dal fatto che ancora oggi ci sono tracce da togliere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...